foto1
foto1
foto1
foto1
foto1

Street Fishing Italia

Fish Where you are...

Like us on facebook

APP GLOBAL FISHING
Negozio Online Pesca Sportiva

IN EDICOLA

Newsletter

YOUTUBE CHANNEL

Follow Instagram

 

 

Forse non tutti conoscono questa tecnica o forse ne hanno solo sentito parlare, lo Spinfly nasce dal matrimonio tra spinning e mosca.

Come si può immaginare stiamo parlando di Ultralight Fishing e si adatta perfettamente allo Street Fishing nei piccoli corsi d’acqua cittadini, in particolare per insidiare Mr. Cavedano!

Iniziamo ad analizzare di quale attrezzatura abbiamo bisogno, contrariamente a quanto si possa pensare non ci serve chissà quale armamentario, e forse le mode del momento ci danno una mano….

Dato che parliamo di Ultralight (e quando dico ultra intendo esche sotto il grammo) un fattore molto importante è avere uno strumento che ci dia elasticità e sensibilità, le prime canne adattate a questa tecnica sono state quelle da coregone ma altrettanto valide sono le canne da Light Rock Fishing se poi gli associamo un multifibre sottile il gioco è fatto!!

Ma non è finita qua adesso ci serve un’esca ed entra in gioco la mosca, se avete un po di manualità potete sperimentare l’autocostruzione, anche consultando il blog di Roberto Cazzola principale promotore di questa tecnica. Ovviamente dovremo scegliere le tipologie di mosche con un minimo di piombatura, per renderle lanciabili, in un primo momento l’aspetto estetico possiamo lasciarlo in secondo piano e concentrarci sul rapporto peso/galleggiabilità, di seguito un paio di esempi.

 

foto esempio

 

 

 

Alle prime uscite vi scontrerete sicuramente con la difficoltà di lancio ovvero vi sembrerà di non riuscire a lanciare, ma questo è in parte dovuto all’abitudine di avere in fondo alla lenza qualcosa di più consistente, dovrete rivedere la vostra tecnica di lancio e sfruttare a pieno l’elasticità offerta dalla canna (una canna solid tip con un range di 0,5-5 gr sarà l’ideale). Per quanto riguarda la lenza da caricare in bobina vi consiglio di non andare oltre lo 0,06 (ovviamente un multifibre) io mi sono trovato molto bene con il Nanofil 0,04 accoppiato ad un finale in fluorocarbon.

Non cercate di raggiungere chissà quale distanza, riuscire a fare 8-10 metri va più che bene, sfruttiamo la corrente e lasciamole la nostra esca stando comunque attenti a non perdere il contatto dato che l’attacco (in particolare per il cavedano) sarà piuttosto rapido e ferrare nel momento giusto sarà essenziale!!

Nei periodi di maggiore attività del pesce molti attacchi si verificheranno dopo pochi istanti del contatto dell’esca con l’acqua, quando l’attività diminuisce l’amico pinnuto si prenderà più tempo per osservare la preda e decidere il da farsi.

Se lo avete, tenete con voi un guadino(magari con rete gommata) per salpare il pesce e non forzare troppo la lenza.

Le esche (Fly) possono essere di tipo galleggiante (come quelle in foto) accessoriate con degli inserti in foam oppure sommerse… il primo tipo lo trovo più indicato nei momenti di maggiore attività del pesce!

Da qui in avanti si tratta di sperimentare e fare pratica… e vedrete che i risultati non mancheranno.

Street Fishing Italia
Author: Street Fishing Italia
Citazioni
Fish Where You Are...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo