foto1
foto1
foto1
foto1
foto1

Street Fishing Italia

Fish Where you are...

Like us on facebook

APP GLOBAL FISHING
Negozio Online Pesca Sportiva

IN EDICOLA

Newsletter

YOUTUBE CHANNEL

Follow Instagram

Direttamente dal Sol Levante stà prendendo sempre più campo, nel periodo invernale e non la “Trout Area”, ma di cosa si tratta???
La Trout Area, come dice il nome è una manifestazione di pesca rivolta alla cattura della trota. Praticata all’interno di laghi privati, si differenzia dalle altre tecniche imponendo il solo utilizzo di esche dure, Hard Bait, munite di amo singolo privo di ardiglione. La grossa novità di questa manifestazione a livello agonistico, è che la cattura viene convalidata dal giudice di gara, quando il pesce tocca il guadino, imponendo in modo tassativo, pena decurtazione di punti, il rilascio immediato del pesce. In altre parole una manifestazione che promuove il C&R, abituando le giovani leve al rilascio del pescato. Solo per quest’ultimo punto, la Trout Area merita tutta la nostra stima. Chi la ama, chi la odia, il fatto è che sempre più associazioni, laghi privati e club stanno organizzando manifestazioni dedicate a quest’ultima. Siamo andati a trovare Alessandro Pesci, grosso appassionato di questa tecnica, ai Laghi Bellavalle a Barberino di Mugello, uno dei primi laghi privati che ha dedicato gran parte dei loro eventi cercando di promuovere questa tipologia di pesca. La sintesi della Trout Area potremmo riassumerla con una parola: Velocità!

 

Ph: Bruno Pireddu


Velocità nel capire prima dell’avversario in quale strato di acqua si trova il pesce, velocità nel recuperarlo, velocità nel liberarlo senza causare danni. Alessandro ci ha mostrato una sessione tipo, l’attrezzatura occorrente è una canna ultra light da 0.5 gr fino a 4 gr. con un’azione molto parabolica, per riuscire anche con il solo amo singolo a gestire il salmonide fino a riva nelle sue famose capriole. Accompagnata a questa canna troveremo mulinelli di taglia 1000 piccoli, veloci e caricati con fili sottili per riuscire meglio a lanciare pesi esigui. La varietà di colori, dimensioni e forme degli artificiali dedicati alla Trout Area scateneranno il vostro impulso da shopping!!! Spoon, micro minnow, piccolissimi crank, avrete l’imbarazzo della scelta :-)


 

In fine Alessandro ci ha mostrato l’utilizzo del releaser, ovvero uno strumento molto simile ad un piccolo arpione munito di manico, che permette con un po’ di praticità di riuscire a slamare il pesce senza nemmeno toccarlo, vi possiamo assicurare che è molto più difficile da spiegare che nell’atto pratico. In sintesi recuperato il pesce, tenendo il filo in tensione andremo ad arpionare l’amo da pesca, e mantenendo la canna rivolta in avanti faremo forza con il releaser in senso contrario, con questi semplici passaggi la trota sarà libera in pochi secondi.Massimo rispetto per questa tipologia di pesca sportiva, che avvicinerà sicuramente tanti appassionati della trota lago alla pratica del C&R.

Francesco Moni
Author: Francesco Moni
Team Leader
Citazioni
Nell'incertezza... FERRA ! ! !

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo